Google panda in italiano è arrivato! (e non solo)

A quanto pare sono stato clamorosamente smentito! 

Riprendo dal blog ufficiale di google:

Da tempo siamo impegnati a dare accesso agli utenti a siti di alta qualità attraverso i risultati di ricerca di Google. All’inizio dell’anno abbiamo annunciato Panda, un cambiamento dell’algoritmo per migliorare il ranking dei siti in base alla loro qualità, fino ad oggi relativo atutte le ricerche effettuate in Inglese
Per portare avanti il nostro impegno, oggi estendiamo questo aggiornamento ad altre lingue, tra cui l’italiano. 

nota mia: nel blog inglese di “insight search” affermano di averlo esteso a tutte le lingue tranne giapponese, cinese e coreano che sono ancora sotto testing (ma quindi arriveranno).

Sembra un orso, ma è uno squalo.

Un altro dato interessante è che l’algoritmo non interesserà ogni possibile ambito ma solo una percentuale (tra il 6 e il 9% afferma google): questo cosa vuol dire ? In sostanza google ha selezionato un campione di ricerche effettuate dagli utenti ha deciso di mettere sotto “filtro” di panda solo un colo sottoinsieme. Quale sia questo insieme lo sapremo solo dati alla mano nei prossimi mesi, ma probabilmente verrà colpito per primo il settore farmacologico e poi quello finanziario (almeno secondo il mio parere, che oramai vale come una moneta da tre euro).

…anche se dando un’occhiata ai forum di google, già qualche segnalazione esce fuori…

Insomma, tutti a gettare un occhio ad analytics!

Aggiornamento

sul forum dei webmaster è stato dato un link dove è possibile lasciare un feedback sul funzionamento post-panda, in sostanza indicare risultati che non sono congruenti.

 

 

2 thoughts on “Google panda in italiano è arrivato! (e non solo)

  1. Ciao Andrea,

    la domanda che ti pongo è semplice e complicata al tempo stesso: come agisce esattamente il Panda? Il mio interrogativo nasce da un dato che emerge drammaticamente analizzando il mio sito. Si tratta di un videoblog, fisiologicamente esposto al nuovo algoritmo a causa del contenuto “sottile” del singolo articolo.

    Non ho riscontrato un calo di posizioni nelle query principali (ma nel traffico si, introno al 40%), piuttosto in un improvvisa allergia da parte del grande ‘G’, nei confronti dei miei nuovi articoli.

    Dal 12 agosto 2011 (o almeno credo da quella data), Google semplicemente non posiziona (al limite della non indicizzazione) i miei nuovi post. Prima dall’update, per temi come gli highlights delle partite di calcio finivo immancabilmente in prima posizione, ora sono scomparso.

    Inizialmente non mi ero preoccupato; avevo attribuito questo calo al mancato aggiornamento del sito per due giorni di seguito, evento mai accaduto in 3 anni e determinato da un evento eccezionale (mi hanno rapinato casa!). Ora però comincio a sudare freddo e non so dove sbattere la testa.

    In conclusione, la mia sensazione è che, oltre ad una quasi scontata rivalutazione in negativo del mio blog da parte di Google Panda, temo di essere alle prese con una non meglio identificata penalizzazione.

    Mi piacerebbe davvero avere una tua opinione in merito.

    Grazie, Luca

Comments are closed.