Un anno di Yotta(com)!

Accidenti, sono passati quattro mesi dall’ultimo aggiornamento!

Beh, dopotutto ho passato due mesi in Brasile a fare marketing e affiliazione con un mio amico ed ex collega, non è stata una vacanza, stavo lavorando! (abbastanza intensamente)

Ma sopratutto è trascorso un anno da quando è nata Yottacom, la mia attività di consulenza professionale come freelance. Dovrei dire che “è tempo di bilanci” ed effettivamente così, però ci pensa il mio programma di contabilità a farlo in automatico. (con l’aiuto dei commercialisti che lo hanno progettato)

FAQ: Perchè non l’hai aperta subito quando sei andato in uk?

Perchè l’anno fiscale in UK inizia ad aprile, invece che a inizio anno come in Italia. Se l’avessi aperta subito avrei magari potuto iniziare a prendere dei lavori, ma poi si sarebbe trasformato come “un anno da tre mesi”.

Nel frattempo…

Nel frattempo in questi mesi ho girato come una trottola e penso che continuerò a farlo finchè mi sarà possibile. Sono sempre immensamente grato del fatto che il mio lavoro mi consenta di viaggiare senza dover per forza essere vincolato ad un posto fisico. Spero che nel corso degli anni Google non mi porti via il lavoro… ma sto già pianificando i miei prossimi step.

Growth Hacker e programmazione

Il termine di “hacker della crescita” è una moda (fastidiosa) che si sente spesso nell’ambito delle startup. Quello che le giovani aziende non capiscono è che un growth hacker junior è di base un marketer senior. Vorrebbero un Garibaldi che le porti alla meta, ma lo pagano come se fosse un metalmeccanico (con rispetto parlando per chi lavora in fabbrica).

Ho analizzato molti casi, ma da un punto di vista scientifico, se un metodo non è replicabile per me non è valido: si tratta di esperienza aneddotica, che è utile da studiare come “cronaca vera” ma che non ha alcun valore da un punto di vista di applicazione.

Se tutto va bene rivestirò questo ruolo in due startup durante il 2015, dove avrò modo di mettere in pratica le mie esperienze maturate in vari campi trasversali, al servizio del business, non della chiacchera.

Si potrebbe poi essere una svolta importante che mi porterebbe “un poco lontano” ma ve ne parlerò quando avrò più certezze!

Il Bilancio 2014

  • soldi

  • tempo per me stesso

  • spese inutili

  • investimenti nell’azienda, cioè nel mio futuro

  • possibilità di viaggiare e scoprire posti nuovi

+ schiavo degli orari (che ora mi impongo)

  • posso smettere quando voglio

Complessivamente…

E’ un buon inizio.